lunedì 30 dicembre 2013

Idee curcumose......



Ingredienti per 500 millilitri di olio aromatico

500 ml di olio extra vergine di oliva
3 cucchiai colmi di curcuma

Versate l'olio in un barattolo con coperchio e aggiungete la curcuma.

Mescolare, chiudere, e lasciar macerare in un posto buio e fresco per una settimana, agitando una volta al giorno per i primi sette giorni.

L'ottavo giorno non mescolare, travasare l'olio in una bottiglia di vetro scuro, facendo attenzione a non smuovere la curcuma che sarà sul fondo del barattolo.

Quest'olio si può utilizzare per condire tutti i nostri piatti (insalate, salse, ecc).

Benefici:

           Migliora il metabolismo del fegato e dei grassi contribuendo a tenere sotto controllo il colesterolo.

E considerato "l'olio della giovinezza" grazie al potente effetto antiossidante  della curcumina.




domenica 29 dicembre 2013

Principi attivi e proprietà del cacao.



Principi attivi: teobromina (1-2%), caffeina (0.5-4%), burro di cacao (50%), proteine (12%), oli essenziali (acetato di isoamile, acetil metilcarbinolo, acido siringico, acido caprico, acido fenilacetico, acido laurico, acido protocatechico, acido vanillico, butirrato di isoamile, propionato di etile, propionato di isoamile).

Proprietà: la teobromina è un vasodilatatore coronario (viene efficacemente impiegato per la cura dell'angina pectoris di cui attenua e qualche volta elimina il dolore, ma la prescrizione di questo farmaco è una cosa molto delicata e soltanto un medico può decidere di farla) e renale, con una azione diuretica superiore alla caffeina (non aumenta l'acido urico).
Il burro di cacao è costituito essenzialmente da gliceridi dell'acido stearico, fonde a 35°C e viene usato per supposte, pomate, cosmetici e nell'industria dolciaria.

Nel cacao sono presenti alcuni antiossidanti che esercitano effetti positivi sull'organismo contribuendo a evitare l'ossidazione del colesterolo, un processo che può portare al blocco delle arterie e alla riduzione del flusso sanguigno.

Alcuni polifenoli noti come catechine, che sono anche tra i componenti principali del tè, sono stati rilevati sia nel cioccolato fondente sia nel cioccolato al latte e si ritiene che possano contribuire alla prevenzione delle malattie cardiovascolari, potenziando il sistema immunitario e abbassando il rischio di alcuni tipi di tumore.

Si è discusso a lungo sul rischio che alimenti ricchi di grassi saturi possano aumentare i livelli di colesterolo nel sangue. Attualmente è noto che non tutti i grassi saturi sono egualmente dannosi e alcuni, come l'acido stearico hanno un effetto neutro sul colesterolo nel sangue.

Il cioccolato, spesso visto come un alimento che fornisce all'organismo zucchero immediatamente disponibile, presenta di fatto un indice glicemico relativamente basso.

Questo significa che dopo aver ingerito del cioccolato, lo zucchero nel sangue si innalza in modo regolare, meno velocemente che dopo il consumo di alcune bevande e alimenti a base di zucchero o di amido facilmente digeribile.

Si al cioccolato a dosi giuste.

giovedì 19 dicembre 2013

MERAVIGLIOSO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Aloe gel



Aloe Barbadensis Miller o meglio conosciuta come Aloe Vera è una pianta che appartiene alla famiglia delle liliacee, dalle infinite risorse, predilige i climi caldi e secchi, e molte persone la scambiano per un cactus, cresce nelle regioni più aride delle Americhe, dell'Asia, dell'Europa, dell'Africa e dell'Australia.

La pianta dell'Aloe Vera è caratterizzata da foglie verdi carnose e molto lunghe, con punte aguzze e crescono a rosetta direttamente dal terreno, e quando in primavera o in autunno la pianta fiorisce, appaiono dei fiori color giallo brillante posti in cima ad uno stelo privo di foglie che spunta dal centro della pianta. 

La specie dell'Aloe appartiente ad una più ampia classe di piante conosciute come xerofite, cosi chiamate perchè in grado di chiudere i propri stomi per garantire l'equilibrio idrico della pianta. Questa capacità di conservare l'acqua al proprio interno gli consente di sopravvivere a lunghi periodi di clima secco o addirittura di siccità. 

Le piante producono minuscole repliche di se stesse (chiamate figlie), che vengono accuratamente rimosse (a mano) e piantate in vivaio.

La chiave del potere dell'aloe vera consiste nel suo ricco contenuto di una classe di zuccheri a lunga catena conosciuti come MUCOPOLISACCARIDI (MPS) questi sonno fondamentali per l'organismo (come i mattoni per una casa). Normalmente si trovano in ogni cellula del nostro corpo, e siamo in grado di fabbricarli da soli nei primi dieci anni della nostra vita. In seguito dobbiamo affidarci a fonti esterne, e poche piante rappresentano una fonte più ricca dell'aloe vera.


Ma cosa fanno i mucopolisaccaridi ? 

Probabilmente agiscono da lubrificanti per nostre articolazioni, ricoprono il colon evitando il riassorbimento delle materie di scarto tossiche ed inoltre, tra gli svariati altri benefici, formano una barriera contro le invasioni microbiche delle nostre cellule.  E noto infatti che l’Aloe Vera contiene una vasta gamma di vitamine, sali minerali,enzimi e sostanze biochimiche uniche.

A breve tutte le proprietà di questa meravigliosa pianta.

                                                                                                                                                 A presto.


Aloe gel


Potrebbe interessarti:http://www.my-personaltrainer.it/integratori/aloe-gel.html


Potrebbe interessarti:http://www.my-personaltrainer.it/integratori/aloe-gel.html

mercoledì 18 dicembre 2013

Sapevate che.......la curcuma...

La curcuma è una spezia dal colore giallo-arancio proveniente dall'India. Per le sue proprietà benefiche e curative è tradizionalmente impiegata sia nella medicina ayurvedica di origine indiana, sia nella medicina cinese, in particolare per la sua capacità di contrastare i processi infiammatori all'interno dell'organismo.
A riconoscere le potenzialità positive della curcuma sulla nostra salute è ora la medicina occidentale.



L'università della California ha condotto uno studio nel quale parla della curcumina (uno dei componenti della curcuma), ritenendola in grado di bloccare l'azione di un enzima responsabile dello sviluppo di certi tumori.(ovviamente ci sono molti articoli che ne parlano per chi volesse approfondire l'argomento).

In forma breve vi dico che nel corso dello studio, a pazienti affetti di cancro sono state somministrate delle compresse contenenti 1000 milligrammi di curcumina. I risultati ottenuti sono stati valutati da parte di un laboratorio indipendente, che ha evidenziato come tale sostanza agisse inibendo l'enzima promotore del cancro, aprendo così la strada all'impiego della curcumina nella cura e nella prevenzione di tale patologia

In Arizona si sono svolti studi che parlano dell'effetto antinfiammatorio della curcumina; a Maryland si parla dell'effetto antiossidante.Insomma.....

Forse eravate già al corrente di questi studi, comunque  mi è sembrato utile condividere con voi, sopratutto perché la curcuma è una spezia facilmente reperibile, e molto buona da aggiungere ai nostri piatti.

Fateci sapere se volete il nostro aiuto per l'utilizzo della curcuma in cucina.

                          A presto.

giovedì 12 dicembre 2013

Storia Cioccolatosa







Secondo la leggenda azteca c'era un dio di nome Quetzalcoati, che donò agli uomini il cachuaquahitl ed insegnò loro a coltivarla; dai semi di questa pianta si preparava il nettare degli dei: il xocolati.

Il popolo Azteco iniziò la coltivazione della pregiata pianta dai cui semi ricavava la bevanda che tanto piaceva e che aiutava a superare i periodi di fame e che, nel tempo diventò così importante da essere usata addirittura come oggetto di scambio.

Come per i Romani il sale costituiva il "salario" dei legionari, così i semi del cacao venivano utilizzati come monete.
Da ciò il primo nome del cacao (Amygdalae pecuniariae ovvero mandorla di denaro) poi sostituito da Linneo in Theobroma cacao o cibo degli dei.

Il primo Europeo che conobbe il cioccolato fu Cristoforo Colombo. 
Fu grazie al suo viaggio nel nuovo continente che si ebbero le prime apparizioni del cacao in Europa, apparizioni non proprio fortunate. Infatti la bevanda detta xocolati non era proprio ciò che noi attualmente conosciamo:era di
gusto amaro, speziata con peperoncino, cannella e vaniglia.
Tale combinazione di spezie non incontrò grandi favori presso i reali d'Aragona che non diedero valore alla novità.

Con l'arrivo di Fernando Cortés in Messico, circa dieci anni dopo, si scoprirono le proprietà antifatica ed eccitanti del cioccolato.

E lui che lo ripropone senza le spezie che gli davano un gusto piccante e amaro, tranne la vaniglia, e poi dolcificato con miele o zucchero per incontrare i gusti europei.

E cosi che il cioccolato arriva a tutti i salotti di Europa, la produzione di cacao si espande in tutto il centro America e nelle coste occidentali dell'Africa, generando molte varietà di cacao.

Nei prossimi post: proprietà benefiche del suo consumo.

                  A presto.


lunedì 9 dicembre 2013

Alla fine



Alla fine dopo tante battaglie
ti ritrovi perso ancora
Mi spiace, mi spiace tanto
sei stato sempre un guerriero
onesto e infaticabile,
anche se avevi l'impossibile davanti,
anche se eri in mezzo a una tempesta,
anche se c'era il buio intorno a te
sei sempre andato avanti;
per noi, per lei, per tutti, e alla fine,
ma tanto alla fine un pò anche per te.

Ma quel poco non bastava
tu avevi bisogno di tanto
o forse magari un pò di vero amore
quello che mettevi in ogni cosa facessi.

Non c'era nessuno con quel coraggio
C'eri te.
Te che magari adesso
riuscirai a trovare in quel mondo
quello che hai sempre cercato
O forse no.

Grazie di tutto...
So che non basta
Ma comunque non mi stancherò mai di dirtelo
(e vero che per tutto c'è un momento nella vita)
mi sa che qualche volta te l'ho detto.

Non sono state abbastanza.
Avevi bisogno di tanto...
Forse ti sei arreso.
Ma il tuo insegnamento andrà avanti
in tutti quelli che come me
hanno il tuo seme impresso.
                                                    Alfomega.

sabato 7 dicembre 2013

Ubuntu




Un antropologo ha proposto un gioco ai bambini di una tribù africana.

 Ha messo un cesto pieno di frutta vicino a un albero e disse ai bambini che chi fosse arrivato per  primo  avrebbe vinto tutti i frutti.
Quando diede a loro,  il segnale di correre, tutti i bambini si presero per mano e corsero insieme, poi una volta raggiunto il cesto di frutta si sono seduti insieme a godere il premio.

Quando l'antropologo chiese loro perché avevano corso tutti insieme, essendo che uno solo avrebbe potuto vincere tutti i frutti, si sente rispondere: UBUNTU, come uno di noi sarebbe felice se tutti gli altri sono tristi?

UBUNTU nella cultura xhosa significa: Io sono perché noi siamo.

giovedì 5 dicembre 2013

Paraffinum liquidum





Paraffinum liquidum ovvero paraffina liquida, si tratta di una miscela liquida di idrocarburi, che sono un gruppo di sostanze chimiche contenenti soltanto atomi di carbonio ed idrogeno ottenuti generalmente attraverso i processi di raffinazione del petrolio.

La paraffina sulla pelle,  fa un film protettivo che "la fa sembrare" morbida e setosa.
In realtà questo film sulla pelle, non fa altro che soffocarla, ostruire i pori e di conseguenza favorisce l'invecchiamento e l'incremento delle impurità.Da qui che se dice sia comedogenica.

Provate a pensare cosa accade dopo che mettete una crema idratante a base di paraffina?

All'inizio la pelle appare idratata ma dopo un pò? ....ecco, ancora la pelle screpolata,  con bisogno d' idratazione.

Ovviamente ognuno fa le sue scelte.Ma personalmente se non avessi nessuna crema a disposizione e dovessi mettermi una contenenti paraffina, mi umidirei il viso e metterei qualche olio vegetale (mosqueta, argan, ecc).

Io  vi consiglio di leggere attentamente l'inci (componenti) dei vostri cosmetici, perché è importante non solo per noi se non anche per il nostro ambiente.

Parliamo di sostanze che possono causare malattie, provocare cancro, e danneggiare anche il nostro pianeta.
Se avete dubbi su qualche sostanza guardate su biodizionario.it.


                                   A presto

mercoledì 4 dicembre 2013

Vi presento..........

C'era una volta una conchiglia.
Se ne stava in fondo al mare cullata dalle onde, sfiorata dal passaggio sinuoso di pesci colorati e cavallucci marini fino a quando... una tempesta giunse fino a lei sconvolgendole la vita.
La violenza delle onde la capovolse più e più volte facendola girare, rotolare, urtare, trasportandola lontano fino a che ammaccata e dolorante, si fermò.
Stava cercando di capire dov'era finita quando, improvvisa, una fitta lancinante la trapassò.
Che stava succedendo ancora?
Ah...ecco! Attraverso le valve, nello stravolgimento di prima, era riuscito a intrufolarsi un sassolino che, pur piccolo, aveva contorni spigolosi e appuntiti.Sulla carne viva faceva proprio male...
La conchiglia provò a muoversi e a "sputarlo" fuori, ma senza risultato.Tentò e ritentò anche nei giorni seguenti.
Il dolore non passava.Pianse, e pian piano le sue lacrime ricoprirono il sassolino.
Strano, il dolore iniziava ad attenuarsi.Cercò ancora di eliminarlo ma ormai faceva parte di lei.
Tra le maglia della rete, assieme ai pesci,un pescatore vide una conchiglia.
La apri e, meraviglia, si trovò tra le mani ruvide e callose una perla bellissima,rilucente.
La girò e rigirò: perfetta!
I pescatori sanno che ogni perla ha una storia da raccontare e...l'accosto all'orecchio.
Ascoltando, ripensò alla sua vita quante tempeste aveva attraversato, quante solitudini,  quanto dolore e rabbia e ribellione.......
Quante lacrime si erano mescolate alle gocce del mare!
Ma proprio quelle lacrime erano riuscite a compiere il miracolo anche dentro di lui.
Una perla frutto del dolore, della rinuncia, della pazienza, di quel "sassolino" che ti entra dentro e non riesci più a buttar fuori; una perla capace di donare luce a chi si avvicina.......
Il pescatore guardò quel miracolo racchiuso nella mano, guardò la sua luce, alzò il viso al cielo terso, e limpido sorrise. 
                               Chiara M.

Chiara M. è una ex infermiera di Trento che poco prima dei vent’anni è stata assalita da una malattia rara e incurabile che l’ha costretta su una sedia a rotelle. Da allora i dolori non l’hanno più lasciata. Ma questa sua condizione l’ha portata non alla disperazione ma ad una sempre più intensa e alta vita di fede. Presso le Edizioni San Paolo ha pubblicato Crudele dolcissimo amore (2009), Oscura luminosissima notte (2010, 2008 con DVD) e La perla (2010); di quest’ultima piccola opera esiste anche l’edizione per ragazzi illustrata da Marta Carraro (2013).
Ho voluto condividere questa storia con tutti voi perché considero che  parole come queste che possono essere di aiuto a tante persone, meritano di essere divulgate e condivise.
Grazie Chiara.
                           A presto.


martedì 3 dicembre 2013

Li adoro!!!



Le tisane sono dei preparati che sfruttano l'effetto solvente dell' acqua per estrarre sostanze medicamentose da fonti vegetali d'interesse salutistico.
Per la preparazione casalinga possiamo utilizzare diverse tecniche: macerato, decozione e infusione, secondo i principi attivi (della pianta) che vogliamo estrarre.

La macerazione consiste in lasciar riposare la droga in acqua a temperatura ambiente per un periodo che può variare da un giorno a diverse settimane, i residui andranno eliminati per filtrazione.
Questo meccanismo è utile quando i principi attivi della nostra pianta sono termolabili.

Il decotto si esegue mettendo la parte scelta della nostra pianta in acqua dentro un contenitore con coperchio e portando ad ebollizione per un tempo che varia dai cinque ai trenta minuti, dopo di che  si lascia macerare a fuoco spento per un paio di minuti ancora.Alla fine si filtra.

Se utilizziamo le parti blande come per esempio foglie o fiori li lasceremo per cinque minuti ad ebollizione se utilizziamo invece radici o bacche aumentiamo il tempo di posa.

L'infuso si prepara versando l'acqua che può essere bollente oppure no ( secondo le piante ) e lasciando in ammollo 5 minuti (in generale per le tisane aromatiche) oppure 20 minuti per tisane terapeutiche, in un contenitore chiuso coperto.

A breve ne parleremo dei diversi tipi di piante consigliate per migliorare diversi aspetti del nostro organismo e le temperature alla quale estrarre i principi attivi.
                                                                               A presto.

sabato 30 novembre 2013

Farine ...sotto la doccia?


Un pò stanca degli inganni dei "GRANDI" della cosmesi (non tutti ma quasi); oggi condivido con voi questa ricetta,  semplice ma efficace
Si tratta di una crema levigante a base di farine.
Occorrono: Farina di mais 3 cucchiai
                Farina di cocco 2 cucchiai
                Miele 1 cucchiaio
                Acqua calda q/b.
Facciamo unire il tutto tenendo presente che la consistenza non deve essere ne troppo morbida ne troppo dura.
Una volta finita la doccia,si preleva con le mani e si spalma sulla pelle bagnata massaggiando in forma circolare.
Dopo aver fatto il massaggio con la nostra "crema" sciacquiamo.
Vedrete la morbidezza che acquisisce la vostra pelle.
Questo preparato è adatto a tutti i tipi di pelle.
Spero vi piaccia.
                                                        A presto. 
                           


giovedì 28 novembre 2013

Sapevate che...


I contadini per sapere che tempo farà durante il giorno guardano i fiori della calendula.
Dicono che se al mattino i fiori restano chiusi significa che durante il giorno pioverà.

In questo post parleremo delle proprietà e dei benefici di questa pianta originaria dell'Egitto.


La calendula è una pianta erbacea perenne, caratterizzata da grandi fiori giallo arancio, che vediamo da giugno a novembre.La colorazione dei fiori è costituita da un pigmento ricco di betacarotene, licopene e vilaxantina.


PRINCIPALI COMPONENTI


Olio essenziale, flavonoidi, resina, mucillagine, carotenoidi,triterpenoidi, e saponine.


PROPRIETA E BENEFICI.


Le proprietà sono molteplice, in particolare per l'uso interno come antispasmodico- antinfiammatorio.

Come uso esterno (creme) ha ottime proprietà cicatrizzanti, antisettiche e antibatteriche.
Ci sono delle persone che utilizzano i boccioli dei fiori in cucina per colorare risotti e  saporire salse.

Per finire vi racconto che "calendula" deriva della parola latina "calendae" che significa il primo giorno di ogni mese. 


Spero vi sia piaciuto questo post.


lunedì 25 novembre 2013

Il colore bianco


MELA, SEDANO, PERE, FINOCCHI, PORRI, CIPOLLE, FUNGHI e CAVOLFIORE. 
Favorisce la concentrazione, aiuta a disintossicarsi. La quercetina rende cibi bianchi e sono ricchi di potassio, vitamina C, polifenoli, composti solforati e flavonoidi. Sono ricchi di fibre e sali minerali, permettono di rinforzare il sistema scheletrico le ossa e l’apparato cardiocircolatorio rendendo più fluido il sangue.
I porri, le cipolle e l’aglio contengono un particolare composto detto allucina potentissimo antiossidante. Tutti contribuiscono a ridurre naturalmente i livelli di colesterolo nel sangue
Questi alimenti svolgono una benefica azione sul sistema nervoso, sul cervello e sulle facoltà intellettive superiori. Alcuni alimenti in cui è presente questa vibrazione sono elencati per l'energia blu. I cibi che vanno dal viola all'indaco sono particolarmente ricchi di magnesio e di altri elementi fondamentali per le funzioni cerebrali.

Ed infine i colori che vanno dal viola all'indaco, sono i colori compresi tra il blu e viola.


NOTIZIE ED IMMAGINI TROVATI SU VARI SITI IN INTERNET. NESSUNO ERA PROTETTO DA QUALCHE COPYRIGTH. CON QUESTO ULTIMO COLORE SI CONCLUDE LA DESCRIZIONE,PROSSIMAMENTE ALTRE     

                                                        Mimosa.

venerdì 22 novembre 2013

Da non perdere ..............Ode alla Vita

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,

chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,chi è infelice sul lavoro,

chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati,
Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,

chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,ricordando sempre che essere vivo

richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

                                    Pablo Neruda

Un giorno qualunque........?


sabato 16 novembre 2013

Una coccola ai piedi


Visto che è arrivato il weekend e ne abbiamo un po di tempo....vi do una idea per coccolare i vostri piedi.
Abbiamo bisogno di un po di zucchero di canna,  miele,  yogurt scremato naturale, e  burro di karite.

In una ciotola inserire un cucchiaino di miele,uno di yogurt, e uno di burro di karite, (nel caso non si fosse uno di questi ingredienti se può fare a meno); dopo aggiungeremo lo zucchero di canna pian piano fino ad ottenere la consistenza desiderata,che non dovrà essere troppo liquida.


Procediamo della seguente maniera.


Prima facciamo un pediluvio con acqua che non deve essere tanto calda, (altrimenti ci ustioniamo) alla quale aggiungeremo un po di sale, e un po di amido di riso.

Faremo un massaggio con il nostro preparato, prima ad un piede e dopo all'altro, immergendo nuovamente il piede massaggiato nella nostra acqua per togliere i residui.

Vi garantisco che i vostri piedi acquisteranno la testura della pelle di un neonato.

Magari per chi ha dei grossi problemi ci vorranno più volte.

Comunque, provate e dopo mi dite se vale la pena spendere soldi fuori casa per questo trattamento.

                                                                            
                                                A presto.

venerdì 15 novembre 2013

Fiaba sulla Luna


La Luna è spesso protagonista in molte mitologie e credenze popolari. Oggi condivido con voi una favola che ho scoperto da poco. 
Il Signore dell’Eternità donò il Sole al Giorno, perché lo illuminasse con la sua luce, facesse maturare i frutti della terra e ricompensasse le fatiche degli uomini...La Notte si offese, lei non ricevette nulla, e rimase tristemente avvolta dall'oscurità. Ma il gigante 
Ti-Nu volle consolarla: affondò le sue mani invulnerabili nel molle corpo del sole e ne staccò una porzione tondeggiante, poi la avvolse in una nuvola, per portarla alla Notte. Improvvisamente un cane rabbioso si avventò su di lui : per difendersi, il gigante Ti-Nu fuggì con velocità. Ma la nuvola che avvolgeva la porzione di sole da donare alla Notte era piena di fenditure e, nella fuga, il suo prezioso contenuto fuoriusciva. Ti-Nu, ignaro, continuò a correre e non si accorse di spargere intorno a sé scintille luminose, di seminare fiorellini incandescenti. Corse così velocemente che inciampò nel secchio dove era stato versato il latte argenteo di una capra sacra: quella piccola porzione di sole che non si era dispersa nella fuga vi cadde dentro, e perse la sua luminosità. Il gigante Ti-Nu si disperò. Il cane rabbioso continuò ad inseguirlo, Ti-Nu continuò a correre per fuggire e, tutt'oggi, ancora corre. E non sa di aver creato il firmamento, con le stelle scintillanti e la pallida luna, protettrice dei sogni.
....................(Questa è una fiaba cinese)..........................................

giovedì 14 novembre 2013

Il colore verde


KIWI, SPINACI, BROCCOLI, ASPARAGI, CETRIOLI, BASILICO, CARCIOFI PREZZEMOLO, INSALATA verde, ZUCCHINE e legumi come PISELLI e FAVE

Il COLORE VERDE E’ il colore della serenità e della natura.
E’ un sedativo del sistema nervoso, aiuta a combattere irritabilità,insonnia ed esaurimento. Il colore dell'equilibrio energetico.
Alimenti che hanno effetti depurativi del sangue, favoriscono il drenaggio linfatico ed irrobustiscono il sistema cardiocircolatorio.
Il colore verde degli ortaggi è dato dalla clorofilla, è ricca di magnesio, che aiuta a regolare il metabolismo dei grassi e degli zuccheri.
Ricchi di clorofilla, magnesio, selenio, carotenoidi,luteina, polifenoli e vitaminaC che favoriscono il buon funzionamento del sistema vascolare e la conduzion e degli impulsi nervosi. 
Il magnesio poi è fondamentale in numerosi processi enzimatici che intervengono nell’assorbimento del calcio del fosforo, del sodio e del potassio, minerali preziosi per irrobustire le ossa, i vasi  sanguigni, la vista e i denti.
Polifenoli e Vit C hanno un’azione antitumorale sulla crescita cellulare anomala, eccellenti depurativi del sangue, favoriscono il drenaggio linfatico e irrobustiscono il sistema cardiocircolatorio.
ALLA PROSSIMA MIMOSA

martedì 12 novembre 2013

A tutti

A tutti, agli amici e ai nemici
A quelli che mi amano;
a quelli che mi odiano.
Mi perdonino entrambi
di lasciarmi amare senza meriti
e di lasciarmi odiare senza colpe.

A tutti.

A chi mi era fedele quando lo tradivo;
a chi mi tradiva quando gli ero fedele.
Di ogni cosa mi rimordo,
ombra della mia ombra,
coraggio della mia vita.

Perché odio e amore

tradimento e fedeltà
sono nell'uomo, dell'uomo:
sua carne e suo sangue.
Ed io sopratutto amo
ciò che ardentemente è umano.
                                                Anonimo.

lunedì 11 novembre 2013

Ecco alcune delle cose che ho imparato.........



Che non importa quanto sia buona una persona, ogni tanto ti ferirà. E per questo, bisognerà che tu la perdoni.

Che ci vogliono anni per costruire la fiducia e solo pochi secondi per
distruggerla.

Che non dobbiamo cambiare amici, se comprendiamo che gli amici
cambiano.

Che le circostanze e l'ambiente hanno influenza su di noi, ma noi siamo responsabili di noi stessi.

Che, o sarai tu a controllare i tuoi atti, o essi controlleranno te.

Ho imparato che gli eroi sono persone che hanno fatto ciò che era
necessario fare, affrontandone le conseguenze.

Che la pazienza richiede molta pratica.

Che ci sono persone che ci amano, ma che semplicemente non sanno come dimostrarlo.

Che a volte, la persona che tu pensi ti sferrerà il colpo mortale,
quando cadrai, è invece una di quelle poche che ti aiuteranno a rialzarti.

Che non si deve mai dire a un bambino che i sogni sono sciocchezze: sarebbe una tragedia se lo credesse. 

Che non sempre è sufficiente essere perdonato da qualcuno. Nella
maggior parte dei casi sei tu a dover perdonare te stesso.

Che non importa in quanti pezzi il tuo cuore si è spezzato; il mondo
non si ferma, aspettando che tu lo ripari.

Forse Dio vuole che incontriamo un po' di gente sbagliata prima di
incontrare quella giusta, cosi quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo.

Quando la porta della felicità si chiude, un'altra si apre, ma tante
volte guardiamo così a lungo a quella chiusa, che non vediamo quella che è stata aperta per noi.

La miglior specie d'amico è quel tipo con cui puoi stare seduto in un
portico e camminarci insieme, senza dire una parola, e quando vai via senti come se fosse stata la miglior conversazione mai avuta.

                                               Paulo Coelho.

sabato 9 novembre 2013

Il colore rosso


POMODORO - FRAGOLA - PRUGNA - CILIEGIA - PEPERONE ROSSO - COCOMERO - MELA ROSSA - BARBABIETOLA - RIBES - PEPERONCINO - RAPANELLI - ma anche SPINACI - AGRETTO - CRESCIONE (perchè ricchi di ferro ,anche se di colore verde)

                                                                                             
E' il colore dell’energia,della passione, della sensualità. Stimola l’appetito ed il metabolismo, riattivando tutte le funzioni dell’ultimo tratto dell’intestino. Troppo rosso però può creare stati di ansia e di agitazione, quindi va usato in dosi appropriate.

È il colore della forza, antidepressivo, stimolante e usato contro molti disturbi dell’apparato respiratori. La frutta e la verdura rossa sono ricche di Licopene e di antocianine che prevengono le malattie cardiovascolari, limitano lo sviluppo di tumori (è dimostrata l’azione specifica protettiva del Licopene sulla crescita del tumore alla prostata) stimolano le difese immunitarie ed i processi di guarigione della pelle, Il colore rosso stimola il metabolismo, riattiva tutte le funzioni dell'ultimo tratto dell'intestino facilitando l'eliminazione delle scorie e porta una ventata di energia alle ghiandole surrenali e al sistema nervoso autonomo.


Risultato: nell'organismo entra in circolo una maggiore quantità di noradrenalina, sostanza che fa lavorare meglio e più in fretta le cellule adipose, e quindi ha un'azione dimagrante, il licopene e antocianine, facilitano inoltre il drenaggio dei liquidi e la circolazione vascolare.


 Per questo i cibi rossi accelerano il sistema linfatico, la seconda via d'uscita delle scorie, dopo l'intestino. Si ha bisogno di questi alimenti quando ci si sente abbattuti o si hanno carenze di ferro, poiché l'ossido di ferro è notoriamente rosso.

 Gli alimenti rossi sono anche depurativi e, grazie al loro alto contenuto di potassio, rinnovano le energie vitali.

Consiglio: è meglio non abusare dei pomodori, alimenti acidi, ma alternarli ad altri ortaggi rossi, soprattutto nelle insalate estive. La classica caprese è un abbinamento di alimenti acidi: non è l’ideale per il buon equilibrio intestinale!!!!


                                                     Mimosa

martedì 5 novembre 2013

SE NON PUOI ESSERE UN PINO SUL MONTE



Se non puoi essere un pino sul monte,
sii una saggina nella valle,
ma sii la migliore piccola saggina
sulla sponda del ruscello.

Se non puoi essere un albero,
sii un cespuglio.

Se non puoi essere un'autostrada
sii un sentiero.

Se non puoi essere il sole,
sii una stella.

Sii sempre il meglio
di ciò che sei.

Cerca di scoprire il disegno
che sei chiamato ad essere,
poi mettiti a realizzarlo nella vita.


                             (Poeta: Martin Luther King )

lunedì 4 novembre 2013

IL GIALLO -ARANCIO
Lo si trova in questi alimenti:

LIMONE - UVA BIANCA - MELONE - ANANAS - MAIS DOLCE - GERMOGLI - PESCA - PATATA - BANANA - PRUGNA GIALLA - PEPERONI-ZUCCA-ALBICOCCA-CAROTA – ARANCIO-MANDARINO-MANGO-PAPAIA-TUORLO D'UOVO-BURRO e OLI VEGETALI.


Sembra essere il colore preferito dei golosi. Trasmette energia,allegria,senso di benessere, estroversione e lucidità mentale. A dare il colore antitristezza per eccellenza sono leutina e zeaxantina, due sostanze antiossidanti che rinforzano la vista. I cibi gialli sono adatti a disintossicare il fegato e la cistifellea, e quindi anche depurare l'organismo in generale. Ricchi di vitamina C che rafforza le difese del sistema immunitario. Contengono inoltre carotene che protegge le cellule dall'invecchiamento. Ricchi di enzimi favoriscono la digestione.



E con questo si inizia a descrivere i vari benefici, dei vari alimenti, ovviamente sarebbe ,sempre meglio rivolgersi ad un medico per patologie più serie. E comunque mai abusarne, anche se è frutta e verdura.
Alla prossima....... Mimosa

venerdì 1 novembre 2013

Il denaro; è una fortuna......?

Il denaro può comprare una casa,
però non una famiglia.
Il denaro può comprare un orologio,
però non il tempo.
Il denaro può comprare un letto,
però non il sonno.
Il denaro può comprare un libro,
però non la conoscenza.
Il denaro può comprare un medico,
però non la salute.
Il denaro può comprare una posizione,
pero non il rispetto.
Il denaro può comprare il sangue,
pero non la vita.
Il denaro può comprare il sesso,
però non l'amore.
Ci vuole fortuna ed il denaro non la compra.


Non l'ho scritto io,ma ho voluto condividerlo con voi
perché per condividere,
non serve il denaro.

sabato 26 ottobre 2013

Un giorno dopo l'altro






Penso sia chiaro a tutti quanto sia importante praticare attività fisica, ma la cosa più difficile da fare è proprio iniziare....

Ogni giorno c'è sempre qualcosa di "più importante"........ 

Ma se noi prendiamo coscienza che il tempo dedicato allo sport e una inversione per la nostra salute, sicuramente inizieremo a vedere lo sport un pò più vicino a noi .    


Un'altra cosa da tenere presente sono i tempi,non possiamo diventare atleti da un giorno all'altro,dobbiamo farlo per gradi; giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento, consapevoli che l'inizio sarà sicuramente difficile, però man mano che andremo avanti, con la nostra attività (qualsiasi sia) troveremo soltanto BENESSERE (fisico-psichico).


Non'è un discorso facile, perché  siamo abituati ad "accorciare tempi" in quasi tutti gli ambiti della nostra vita, nella cucina, al lavoro, nello spostarci d'una parte all' altra,  nel fare le mansioni casalinghe, ecc.perciò so quanto sia difficile.


Per tutto questo mi piacerebbe condividere con voi qualche mia esperienza che spero vi aiuterà ad iniziare.


Dovete pianificare il vostro allenamento:


-iniziate con qualcosa di leggero, come per esempio una camminata o per chi è in grado una corsa rilassante.


-scegliete dei giorni per fare il vostro allenamento e rispettateli come se fosse un impegno di lavoro.


-Preparatevi magari (se vi piace la musica) un lettore musicale con i vostri brani preferiti da ascoltare intanto  che vi allenate.


-Scegliete abiti comodi, e fate anche attenzione alla scelta della scarpa che deve essere sicura e comoda.


Adesso che abbiamo gli abiti, le scarpe, la musica, e il calendario che ci dice che abbiamo appuntamento con lo sport,vi dò un'altro accorgimento da non sottovalutare.


Cosi come quando mettiamo in moto la macchina non facciamo subito la quinta,cosi dovremo fare con il nostro corpo; cioè, anche lui ha bisogno di essere scaldato.

Ci sono delle tecniche apposta per farlo che magari più avanti,vedremo,(se vi fa piacere).
Però,diciamo per chi parte proprio da zero,basterebbe "iniziare" e "finire" il vostro allenamento a ritmo adagio,respirando in forma serena e rilassata,senza dimenticare di bere prima e dopo l'attività fisica.

Per ultimo,vi dico di prendere questo tempo come uno spazio che appartiene solo a voi,cioè,dovete imparare (giorno dopo giorno) a cacciare via le vostre preoccupazioni,e riempire il tempo dedicato allo sport, di cure per la vostra mente e il vostro corpo.Questo non significa che non si possa condividere con altri.


E ricordate che "le mete..... vanno conquistate.



                                                            A presto.