giovedì 19 gennaio 2017

Provato e consigliato!

Oggi vi volevo parlare di un sito dove da un pò prendo le materie prime.
Lo consiglio per la loro serietà, disposizione e qualità dei loro prodotti.

Forse molte di voi lo conoscete già, ma come in passato l'ho fatto con altri, mi sembrava giusto nominare anche loro.

Si chiama Glamour Cosmetics.
Vi aggiungo il link della loro pagina.
http://www.glamourcosmetics.it/it/

Hanno praticamente tutto quello che serve per chi ha appena iniziato e anche per quelli che da più
tempo lo stanno facendo.

Per quelle ragazze che spignattano il makeup e amano fare ombretti, fard, ecc questo posto ha una varietà incredibile di pigmenti, miche, polvere, e anche i contenitori!!!

A chi piace spignattare con i profumi vi dico che le loro fragranze sono molto buone, io ne ho provato un bel po e ne sono rimasta entusiasta.

Andate a fare un giro nella loro pagina e poi mi direte cosa ve ne pare.

Non vi pentirete.






martedì 30 agosto 2016

Una buona alternativa!!!


L'altro giorno pensavo a tutte quelle cose che mi piacerebbe vedere diversamente di come li vedo ......e  per essere sincera devo dire che all'inizio ho trovato un po di timore e delusione perché in realtà le cose che vorrei vedere diversamente sono tante.......

Quante volte vi siete sentiti stanchi di tutto quello che vi circonda ?

Quante volte vi lamentate?

Sarà capitato anche a voi di sentirvi a volte, circondati di persone che diretta o indirettamente vi coinvolgono in  situazioni stressanti della quale voi non siete responsabili.

Ma come uscire di queste situazioni ?

Innanzitutto vi dico che purtroppo guardandomi  intorno,  ho trovato molte cose spiacevoli, molti comportamenti egoistici, molte persone che assumevano atteggiamenti che danneggiavano altre persone e loro facevano finta di non vedere......

.........ripetutamente.

E ovvio che io non voglio ne sono chi per cambiare nessuno, e che ognuno di noi sceglie come "camminare" nella vita.

Ognuno fa il suo percorso e a volte l'individualismo si trasforma in egoismo.





Allora prima di vedermi in mezzo a situazioni sgradevoli, coinvolta da persone che agiscono in maniera meschina ho deciso che la cosa migliore da fare era scappare lontano da questi personaggi.

Perché la loro normalità mi faceva male.

Non riuscirò mai a comprendere ne a condividere il loro atteggiamento.

Sarebbe anche ingiusto che io sprecasse il tempo che ho da vivere la mia vita con gente che mi fa stare male.

Dipende soltanto da me.

Voi cosa ne pensate?

Volete lasciare un commento?

Alla prossima.





domenica 24 aprile 2016

.....Evitiamo la morte a piccole dosi..........

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi
chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colori dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione
chi preferisce il nero sul bianco e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.
                                                                     
                                                                                                   Pablo Neruda.


martedì 19 gennaio 2016

Il re del 2016


I Legumi


Buoni!!!

Ma perché ne mangiamo cosi pochi?

C'è chi li chiama la carne dei poveri, ma secondo me sono i lunghi tempi di ammollo e cottura i responsabili della scarsa presenza nelle nostre tavole.

Questo rappresenta un fatto negativo dal punto di vista nutrizionale, visto che essendo ricchi di lecitina aiutano ad abbassare la colesterolemia.







I legumi freschi sono semi immaturi, ad elevato contenuto d'acqua, le cui caratteristiche nutrizionali li fanno rientrare nel gruppo delle verdure e degli ortaggi.

I legumi secchi sono un'ottima fonte di proteine,  ne contengono infatti più del doppio dei cereali e più delle stesse carni, ma di qualità inferiore. 

Li troviamo anche surgelati e conservati.


Le leguminose più usate in Italia sono: i fagioli, i piselli, le fave, le lenticchie, i ceci.

L'associazione  di legumi e cereali migliora la qualità proteica, questo è il motivo per cui l'uomo in tutto il mondo ha imparato a preparare piatti come:pasta e fagioli e riso e piselli.


Alla famiglia delle leguminose appartengono anche le arachidi e la soia, dai cui semi vengono estratti gli oli di arachide e di soia, per cui vengono indicate come oleaginose.

La FAO ha scelto l'anno 2016 come l'anno internazionale dei legumi, perciò ho pensato di condividere con voi questa ricetta, semplice, buona e adatta a questo periodo. 
                  


INGREDIENTI:

300 grami di ceci cotti.

1 latta di pelati

1 cipolla grande affettata oppure tritata,sedano e carota per il soffritto.

2 spicchi di aglio (se vi piace)

2 o 3 cucchiaini di curry.

1 cucchiaino di sale.

1 cucchiaino di curcuma (aggiungere alla fine, a fuoco spento).

1 cucchiaio di olio di oliva.

PROCEDIMENTO:

Mettete a soffriggere la carota il sedano e la cipolla, aggiungete l'aglio che potete tagliare fine oppure metterlo a spicchi.

Quando il vostro soffritto sarà pronto aggiungete i pelati e subito dopo i ceci  che farete cuocere per una ventina di minuti a fuoco moderato.

Aggiungere il sale e il curry.

Quando saranno pronti spegnere il fuoco e aggiungere la curcuma (io l'adoro!!! ha tantissime proprietà; se volete sapere le proprietà..... vi lascio il link di un post che ho scritto sulla curcuma: http://zetatre.blogspot.it/2013/12/sapevate-che.html
 .
Possiamo servirlo accompagnato da un riso in bianco oppure da soli cosi.

Provate a farli, non vi pentirete.








lunedì 4 gennaio 2016

Nella scala stiamo tutti


Ciao a tutti

Come state?

Finiti i festeggiamenti?

Gennaio è un pò per tutti il mese dove si fanno i conti con il proprio peso, dove la maggior parte delle persone decide d'iniziare una dieta, di andare in palestra, di cambiare stile di vita.

Essendo una amante dello sport, vi dico che tutti gli anni accade lo stesso cioè a gennaio capita di vedere in palestra dei visi nuovi che invadono gli attrezzi di aerobica.

Per la loro sfortuna dopo un po iniziano a frequentare ogni volta di meno fino ad smettere completamente per poi riprendere forse un mese prima della state con obiettivi irraggiungibili.

Io vorrei condividere un paio di suggerimenti (post specifici) che forse possono aiutarvi ad impostare il vostro approccio allo sport.

A volte vediamo lo sport come qualcosa che non ci appartiene, lontano da noi.
E penso che questo sia il primo punto da chiarire.

Immaginiamo di avere davanti a noi una scala di quelle lunghissime con tanti gradini.....fatto?



Ecco, allora mettiamole un nome a questa scala.......
Chiamiamola SPORT.

Ad ogni gradino corrisponde un livello di attività fisica, vi spiego:

Quello che va ai giochi olimpici sarà su in alto alla nostra scala.

C'è chi magari fa una camminata tre volte alla settimana e apparterrà ad un altro gradino della nostra scala. 

C'è chi non si muove proprio dal divano e anche questi avranno il loro gradino.

Cosi avremo una scala composta da gradini di sportivi e gradini di non sportivi.

Ognuno di noi camminerà per questa scala in forma libera e consapevole.

Quindi una volta compreso questo non'è necessario per iniziare metterci degli obiettivi troppo lontani dal "nostro gradino" l'importante è fare parte dei "gradini mobili".


Le persone che decidono di muoversi il meno possibile apparterranno alla sezione non mobile o poco mobile della nostra scala.

Le persone che per incapacità fisica si vedono costretti a non muoversi li lasciamo da parte in questo ragionamento visto che dovremo fare un post specifico.

Spero che questa idea della scala vi aiuti a vedere lo sport più vicino a voi e considerarlo veramente parte indissociabile delle vostre vite e attività quotidiane.

Fatemi sapere se volete approfondire l'argomento con altri suggerimenti.







giovedì 17 dicembre 2015

Stella di Natale: cure e leggende.


Euphorbia pulcherrima chiamata anche Poinsettia o Stella di Natale.


E una pianta originaria dal Messico dove cresce naturalmente.

Nello stato selvatico può raggiungere un'altezza dai due a quattro metri.

Il nome Poinsettia deriva da Joel Roberts Poinsett, primo ambasciatore degli Stati Uniti in Messico, il quale introdusse i semi della pianta negli Stati Uniti nel 1825. 


Per avere una buona fioritura la pianta deve stare per buona parte della giornata al buio. 


Andrà  posta in un luogo dove non riceva luce artificiale e in un ambiente comunque illuminato da non più di otto ore di luce solare.


Bisogna bagnarla nel sottovaso e non direttamente sulle foglie, una o due volte alla settimana, facendo attenzione a buttare l'acqua che avanza in modo da non fare marcire la pianta.



Quando perde le foglie, se la pianta ha buone radici e viene posta in un luogo luminoso, lasciandola vegetare per tutta l'estate, a fine settembre riprenderà la sua fioritura.

A questo punto dovremmo riportarla all'interno.


Durante il riposo estivo la si potrà tenere al sole con innaffiature anche sporadiche e qualche concimazione mensile.



Racconta la legenda che..........


In un piccolo villaggio Messicano viveva una bambina di nome Altea, che quando giunse la notte di Natale e tutti andarono in chiesa con un piccolo dono per Gesù, lei rimasse a casa perché non aveva nulla da donargli.


All'improvviso apparve un angelo e le disse: Perché sei cosi triste?


-Perché non ho nulla di portare a Gesù! rispose Altea.


Allora l'angelo le disse: tu hai una cosa molto importante di donare a Gesù: il tuo amore!

Raccogli le frasche che crescono ai bordi della strada e portale in chiesa, vedrai ....il tuo dono sarà il più bello di tutti.

Altea fece come le aveva detto l'angelo e mentre pregava le frasche si trasformarono in una meravigliosa pianta con foglie verdi e rosse.


Era la stella di Natale.






Speso perdiamo il nostro tempo cercando il tesoro fuori, senza accorgerci che c'è l'abbiamo dentro.